Pianeta Cobar

DECRETI QUASI PRONTI. IMMINENTE LA PARTENZA DEI 150 ALLIEVI MARESCIALLI E DEI 227 ALLIEVI CARABINIERI. IL 26 SETTEMBRE LA PARTENZA

Pubblicata il 18/09/2012

Imminente l'ufficialità dei decreti ministeriali. Si prepara per il 24 e 25 settembre l'incorporamento e il 26 settembre l'inizio dei corsi allievo maresciallo e allievo carabiniere. Imminente la conferma ufficiale, ma queste sembrano essere le date definitive. Per i restanti una garanzia su tutte: nessun nuovo concorso per il prossimo anno. L'arma non appronterà per ora nessun concorso.
DECRETI QUASI PRONTI. IMMINENTE LA PARTENZA DEI 150  ALLIEVI MARESCIALLI E DEI 227 ALLIEVI CARABINIERI. IL 26 SETTEMBRE LA PARTENZA

Una scelta storica e sofferta quella di chiudere la porta ai concorsi per allievo marescialli e per allievo carabiniere.  L'Arma dei Carabinieri che opera per garantire la sicurezza delle comunità del nostro paese nell'interesse dei cittadini italiani, questa volta ha dovuto prendere una decisione sofferta per tutelare i diritti acquisiti dei cittadini aspiranti carabinieri che sono entrati nelle caserme dell'Arma per fare un concorso e superare una difficile selezione. Quello che il Governo Monti ha riservato loro con questo taglio del turn-over all'80% nella legge della spending review, privandogli l'acquisizione del diritto ad un lavoro nel costringere l'Arma a dover ridurre il numero degli idonei alla frequentazione del corso allievi marescialli ed allievi carabinieri, l'Arma dei Carabinieri prova a dargli la migliore risposta che potesse dargli. La garanzia di non perdere l'accesso al corso formativo nell'Arma dei Carabinieri  si traduce nel non bandire i concorsi allievo maresciallo ed allievo carabiniere per il 2013. Non sarà certo quello che attendevano tutti i ragazzi aspiranti si attendevano, ma garantire loro la posizione in graduatoria sino alla partenza del prossimo cosro allievi, in assenza di nuovi concorsi, è certo una decisione coraggiosa che risponde con responsabilità a quanto questo Governo ha deciso in merito al blocco sul turn over.  Certo la politica tutta, dovrà prendere atto di quanto creato con l'approvazione della spending review e dovrà prendere coscienza che già nella manovra di stabilità ci si aspetta una risposta concreta per sanare tutto o parte di quanto causato con questo provvedimento. 340 allievi marescialli e oltre 1600 allievi carabinieri attenderanno relativi stanziamenti per partire per la frequentazione del corso, loro privato con questo taglio dell'80% sugli arruolamenti.  Non solo, ma parlamentari e senatori, con questa decisione priveranno a centinaia di migliaia di giovani di poter fare concorso nell'Arma dei Carabinieri, di poter aspirare ad un posto di lavoro che comunque ogni anno offriva una remota possiblità, ma comunque un obiettivo da poter perseguire. Al termine dell'ennesima intensa giornata arrivano notizie oramai che sanno di ufficialità.  L'Arma attende l'ufficialità dei decreti a momenti.  Intanto sono fissati i giorni 24 e 25 settembre per l'incorporamento e il giorno 26 settembre l'inizio corso sia per gli allievi marescialli e sia per gli allievi carabinieri.  Appena ci sarà la pubblicazione sul sito www.carabinieri.it  gli aspiranti potranno  consultare l'idoneità e le modalità per le comunicazioni per l'incorporamento.  Si attende a momenti l'ufficialità . Il nostro sito d'informazione dalla Rappresentanza MIlitare dei Carabinieri continuerà a seguire passo dopo passo tutta la delicata questione.  Abbiamo sempre scelto di informare quando ve ne era contezza ed evitare di pubblicare valutazioni e considerazioni nel rispetto di chi è coinvolto in questa condizione anomala e difficile da accettare, pur evidenziando, con soddisfazione, la scelta che il Comando Generale ha fatto a margine di un confronto ed un analisi con il Co.ce.R. Carabinieri. Entrambi hanno perseguito la strada comune che ha portato alla tutela dei vincitori di concorso. Ora sarà la politica di questo Governo e non a prendere le adeguate posizioni a tutela di tutti i ragazzi e ragazze che saranno impossibilitati a concorrere per un ruolo nell'Arma dei Carabinieri. Certo che L'Arma e il CoCeR Carabinieri rivestiranno un ruolo in prima linea per le dovute sollecitazioni a sanare questa difficile condizione in cui si troverà l'Arma dei Carabinieri e tutti i Carabinieri in ogni angolo del paese che vedranno ridurre l'organico dei propri reparti in attesa dei nuovi carabinieri che dovranno essere formati e destinati a dare il cambio naturale al personale che dopo 35 anni di lavoro rischiando giorno dopo giorno la propria vita al servizio dello Stato vorrebbe avere il diritto ad una pensione certamente guadagnata.  

Fonte: pianetacobar.eu / cocer carabinieri / App Romeo Vincenzo

Invia la news ad un amico

Nome Mittente: *
Nome Destinatario:
E-mail Destinatario: *
Testo (facoltativo):
QRCode

Fotografa il codice con uno smartphone per visualizzare la pagina