Pianeta Cobar

NUOVO GOVERNO. SI PREPARA LA PROROGA DEL BLOCCO SALARIALE PER IL COMPARTO SINO AL 2014. IL CO.CE.R. NON RESTERA' A GUARDARE. BASTA PAGARE CON I TAGLI AGLI STIPENDI DEI CARABINIERI. LO STATO E' GIA' IN CREDITO CON IL COMPARTO.

Pubblicata il 24/03/2013

Il Consiglio dei Ministri, uscente, prima di lasciare l'incarico, lascia un "pacco" al nuovo Consiglio che si insedierà. E' stato avviato l'iter di approvazione del dPR per estendere al 2014 il cosiddetto "blocco salariale". E ora ? cosa fare ? Vediamo se il nuovo Governo ha il coraggio di prendere decisioni importanti a salvaguardia degli uomini al servizio della sicurezza e della difesa dello Stato. Dobbiamo pagare ancora noi ? No, Basta !
NUOVO GOVERNO. SI PREPARA LA PROROGA DEL BLOCCO SALARIALE PER IL COMPARTO SINO AL 2014.  IL CO.CE.R. NON RESTERA' A GUARDARE. BASTA PAGARE CON I TAGLI AGLI STIPENDI DEI CARABINIERI. LO STATO E' GIA' IN CREDITO CON IL COMPARTO.

Il Consiglio dei Ministri, uscente, prima di lasciare l'incarico, lascia un "pacco" al nuovo Consiglio che si insedierà. E' stato avviato l'iter di approvazione del dPR per estendere al 2014 il cosiddetto "blocco salariale". Lo schema di provvedimento sarà inviato al Consiglio di Stato per il relativo parere per poi essere sottoposto alle competenti Commissioni parlamentari, per poi passare all'approvazione definitiva del Consiglio dei Ministri. Ora cosa deve accadere ? Il Consiglio di Stato non modifica nulla, perchè il suo parere sarà favorevole. Il provvedimento andrà alle commissioni parlamentari e qui vedremo chi sono i nuovi "governenti" e quali le loro posizioni. Qui ci sarà la chiave di volta. Grillo, Bersani, Berlusconi, ecco che si vedrà il vero colore della politica a tutela dei carabinieri a tutela del comparto. temo che in molti si pentiranno delle scelte politiche che hanno fatto, pensando di cambiare..., chissà, lo vedremo in tempi molto brevi. Oggi ci sono decine di migliaia di Carabinieri che non percepiscono lo stipendio dovuto. Carabinieri che arruolatisi dal 1996  sono sistema pensionistico contributivo pieno, quindi una pensione di 900 euro fra 25 anni. Avanzamento del grado e Assegno di funzione non pagato dallo Stato che aveva stanziato un fondo "Una Tantum" non coperto nel 2012 e nel 2013. Scatti economici di anzianità, dopo 15 anni di lavoro nell'Arma, che non vengono corrisposti e non si sà se lo saranno. 200 euro in meno al mese. 200 euro in meno sullo stipendio. Uno stipendio di 1400 euro che cresce con tutte le indennità dei servizi di tutti i giorni... 6 euro, 10 euro, 5 euro, 7 euro. Ore di lavoro straordinario che non sono sempre corrisposte e che hanno un importo di 9 euro nette ad ora di lavoro.  Il tutto per ripagare un ruolo, un servizio istituzionale che mette ogni giorno a rischio la propria incolumità, la propria vita. Uscire di casa e salutare la propria famiglia con la consapevolezza che ogni giorno è una storia a sè. Quanti carabinieri sono usciti di casa per affrontareuna normalissima giornata di lavoro e non sono piu' tornati a casa. Il tutto sanato con 35.000 euro per la famiglia che non avrà piu' un riferimento, un figlio che non avrà piu' un padre, una moglie che deve stravolgere la propria vita, ma che ogni giorno fà i conti con questa ansia. Lo Stato, il Governo, per sanare il debito pubblico levano 200 euro dallo stipendio del carabiniere. Lo Stato garantisce  900 euro di pensione fra 25 anni a un uomo che ha rischiato la vita per 40 anni al servizio del paese. C'è qualcosa che non và, e una certezza, cosi' avanti non si và. Noi carabinieri che rappresentiamo i carabinieri, non staremo a guardare, ogni utile azione sarà posta in essere. I Carabinieri sulla strada non possono e non devono fermarsi. Si, carabiniere è il paese, carabiniere è il coraggio di non mettere in difficoltà il prossimo, ma...carabiniere è dignità. la dignità si difende sino in fondo. Siamo al servizio del paese, siamo al rispetto delle leggi e delle regole, siamo a difesa della nostra dignità. 

Fonte: Pianetacobar.eu/ cocer carabinieri/ Aps Romeo Vincenzo

Invia la news ad un amico

Nome Mittente: *
Nome Destinatario:
E-mail Destinatario: *
Testo (facoltativo):
QRCode

Fotografa il codice con uno smartphone per visualizzare la pagina