Pianeta Cobar

IL PLANETARIO.140 La 140a PAGINA del DIARIO dal "PIANETA DELLA RAPPRESENTANZA MILITARE DEI CARABINIERI ". Il viaggio nel XII mandato con il delegato Co.Ce.R. Carabinieri Appuntato Scelto Romeo Vincenzo

Pubblicata il 14/03/2021

IL PLANETARIO.140 CENTOQUARANTESIMA La 140a pagina del DIARIO dal "Pianeta della Rappresentanza Militare dei Carabinieri "- XII mandato" - Continua il viaggio nel XII mandato con il delegato Co.Ce.R. Carabinieri Appuntato Scelto Romeo Vincenzo
IL PLANETARIO.140 La 140a PAGINA del DIARIO dal "PIANETA DELLA RAPPRESENTANZA MILITARE DEI CARABINIERI ". Il viaggio nel XII mandato con il delegato Co.Ce.R. Carabinieri Appuntato Scelto Romeo Vincenzo

ESTRATTO  DALLA PAGINA   140  "CENTOQUARANTESIMA"  DEL  DIARIO PLANETARIO SU WWW.PIANETACOBAR.EU 

 

 

"...e’ necessario trasmettere maggiore serenità tra noi, nei reparti, nei rapporti gerarchici. E’ assolutamente necessario. Lo dobbiamo fare noi per primi tra noi colleghi e cosi’, dall’alto, dal Comandante Generale a scendere verso il basso, assicurandosi che il messaggio arrivi a tutta la linea di comando. La condizione sociale da gestire come carabinieri è diventata complessa e delicata. Serve il massimo impegno, la massima concentrazione, la massima serenità nello svolgere il nostro impegno sociale quotidiano con la nostra divisa nera a bande rosse..."

 

"...fuori, su strada, c’è poca pazienza e tanta depressione tra chi è costretto a non vivere piu’ da un anno una vita sociale normale. C’è tanta rabbia per chi stà perdendo il controllo della propria economia familiare e della propria attività commerciale. C’è tanto stress perché la gente non sopporta piu’ queste restrizioni accompagnate dalla paura di prendere il virus e trovarsi ricoverato in ospedale a rischiare la vita. C’è ora una nuova tensione sul vaccino, sul tipo di vaccino e sulle paure che si alimentano da un informazione non sempre chiara e attendibile..."

 

"...noi, al nostro interno, ogni giorno affrontiamo la nostra giornata di servizio con le solite dinamiche che, pero’, iniziano a diventare sempre piu’ pesanti. La carenza organica si sente sempre piu’ forte nel dover vivere la difficoltà a potersi assentare per le esigenze dei servizi di prevenzione e controllo che aumentano specie in questa esigenza pandemica. La pressione aumenta quando dalla linea di comando arriva il sollecito a fare le licenze ma in realtà non puoi assentarti per la presenza, invece, che richiede per la richiesta di servizi da svolgere al reparto. Per fortuna la recente disposizione del Comandante Generale sulle ispezioni e controlli ha posto le condizioni affinchè i Comandanti siano piu’ su strada tra i carabinieri che in ufficio in fase amministrazione gestionale. Si, talvolta si verifica che tra uno specchio, un grafico ed una scheda si perda di vista cosa realmente accada su strada nell’affrontare una crescente difficoltà nelle relazioni interpersonali con una società che diventa sempre piu’ sofferente. Stare su strada, per i Comandanti, pone le condizioni piu’ favorevoli per l’ascolto e il dialogo, necessari e indispensabili in questo momento storico per poter affrontare nuove difficoltà nel ruolo che svolgiamo con grande passione e dedizione..."

 

"...si, passione, quella che ci deve aiutare a stringere i denti ed andare avanti nella consapevolezza che la gente ha bisogno di noi, del nostro essere loro riferimento. Si, quel sentimento intenso che ci porta a indossare ogni giorno la nostra divisa e a vestirci di forza per andare avanti. Quella divisa che poi ci fà mettere da parte l’amarezza di non poter essere vicini ai nostri cari, di non poter fermarsi per qualche giorno in licenza, per non poter curare con frequenza i nostri hobby, di non potersi fermare per qualche momento di relax e di spensieratezza. La stessa passione impone pero’ un criterio indispensabile, quello di rispettare, rispettarci ed essere rispettati. Per rispettare bisogna dire sempre quello che si sente e quello che và detto. Parlare e parlarci è importante, cosi’ con il collega e cosi’ con il superiore. La passione e il rispetto non si vivono nel silenzio, anche uno sguardo intenso, talvolta, puo’ dire molto piu’ di una parola ...

 

Vincenzo Romeo, carabiniere contemporaneo "    

 

"...Andare Avanti per Andare Oltre… Si, ASSIEME 

 

      

PAGINA CENTOQUARANTESIMA. DIARIO SECONDO. MADATO DODICESIMO.ANNO2021.

 

 

Fonte: pianetacobar.eu/ IL PLANETARIO/ aps Romeo Vincenzo

Invia la news ad un amico

Nome Mittente: *
Nome Destinatario:
E-mail Destinatario: *
Testo (facoltativo):
QRCode

Fotografa il codice con uno smartphone per visualizzare la pagina