Pianeta Cobar

NON SI PUO' RISCHIARE LA VITA COSI', LO STATO CI ASCOLTI E INTERVENGA. L'INTERVISTA AL DELEGATO CO.CE.R. ROMEO VINCENZO SU "IL GIORNALE"

Pubblicata il 09/06/2016

Sul quotidiano "IL GIORNALE" di oggi un intervista, alla pagina 17, su come ci sentiamo noi carabinieri e quali le nostre considerazioni in merito ai fatti accaduti ieri a Rosarno e sul triste evento. Un carabiniere, un uomo di ordine e sicurezza che agisce in nome e per conto dello Stato non puo' trovarsi in queste condizioni.
NON SI PUO' RISCHIARE LA VITA COSI', LO STATO CI ASCOLTI E INTERVENGA.  L'INTERVISTA AL DELEGATO CO.CE.R.  ROMEO VINCENZO  SU "IL GIORNALE"

Ne "IL GIORNALE" di oggi trovate un intervista fatta a me ieri dal giornalista Basile. Dopo i fatti successi a Rosarno viene su la rabbia di chi come me e come tutti noi carabinieri sentiamo e viviamo lo stato d'animo del nostro collega. Trovarsi ad agire in condizioni di difficoltà e dover rischiare la propria vita per poi dover reagire e trovarsi, poi, sulle cronache nazionali dove si attesta un decesso per mano di un carabiniere. Non sono queste le condizioni in cui lavorare. Tutti i giorni ricevo segnalazioni e sconforto dai colleghi che svolgono servizio per le esigenze sbarchi, accoglienza e gestione delle aree dedicate. Non si puo' fare il nostro lavoro, rappresentare l'ordine e la sicurezza pubblica in nome e per conto del nostro Stato Italiano e poi trovarsi in queste condizioni. No, non è possibile. da carabiniere che rappresenta i carabinieri ho il dovere di dirlo. In allegato in pdf lo stralcio della mia intervista a pagina 17 del quotidiano" IL GIORNALE".

 

 

 

 

 

 

( clicca su SCARICA L'ALLEGATO e leggi l'intervista a pagina 17 de "IL GIORNALE" )          

Fonte: pianetacobar.eu/ cocer carabinieri/ Aps Romeo Vincenzo

Invia la news ad un amico

Nome Mittente: *
Nome Destinatario:
E-mail Destinatario: *
Testo (facoltativo):
QRCode

Fotografa il codice con uno smartphone per visualizzare la pagina