Pianeta Cobar

TORINO, CASERMA CERNAIA...IL GIORNO DEL GIURAMENTO...IL GIORNO DEGLI ALAMARI CUCITI SULLA PELLE..IL GIORNO DEGLI ALLIEVI CHE DIVENTANO CARABINIERI. ALLA CERIMONIA PRESENTE IL COMANDANTE GENERALE DELL'ARMA.

Pubblicata il 23/06/2015

Dopo Reggio Calabria, Iglesias poi è toccata alla scuola di Torino, venerdi' quella di Roma e il 3 luglio chiuderà con la cerimonia alla scuola allievi di Campobasso. Il giorno degli alamari, il giorno che si diventa da allievo a carabiniere. Una giornata con gli affetti familiari, colleghi di corso, comandanti e Comandante Generale.
TORINO, CASERMA CERNAIA...IL GIORNO DEL GIURAMENTO...IL GIORNO DEGLI ALAMARI CUCITI SULLA PELLE..IL GIORNO DEGLI ALLIEVI CHE DIVENTANO CARABINIERI. ALLA CERIMONIA PRESENTE IL COMANDANTE GENERALE DELL'ARMA.

Il 132' corso allievi carabinieri giura, indossa gli alamari e diventano tutti carabinieri. La giornata, in realtà è iniziata la sera prima, si proprio la sera prima. Quest'anno il Comandante della Legione Allievi Carabinieri Generale Alberto Mosca, ha voluto formalizzare un momento di vicinanza tra allievi carabinieri e i propri affetti cari. Si, la sera prima nelle rispettive palestre o sale multimediali sono state le note delle fanfare dell'Arma ad emozionare genitori ed allievi nela sera prima della cerimonia degli alamari, il giorno dove si diventa carabinieri a vita. In fondo non è solo il carabiniere ad entrare in questa grande dimensione di passione e di storia, ma lo è tutta la famiglia di un carabiniere. I concerti della sera prima hanno riscosso un grande consenso per aver creato l'emozione del giorno prima da dividere con chi con passione ti ha cresciuto, ti ha accudito ed è orgoglioso di vederti carabiniere consegnandoti alla patria, ai valori ed ai doveri del giuramento che ti impone di non tradire, non tradire mai. Alle 7 suona la sveglia e tutti adrenalici come mai sinora durante il corso. sembra il giorno del matrimonio, quello della giornata della tua vita...anche se in fondo lo è.  L'adunata per l'alzabandiera ha un sapore particolare, si questa volta è davvero particolare. Non si và all'alzabandiera sapendo di affrontare una giornata di addestramento, di studio, di apprendiamneto, ma si và verso l'essere carabiniere ...carabiniere davvero...finalmente.    All'alzabandiera c'è lui'...il carabiniere dei carabinieri, il Comandante Generale dell'Arma. Gli occhi vanno alla bandiera che sale e uno sguardo và a lui, con l'orgoglio di un figlio verso un padre. All'alzarsi del tricolore l'inno non è un grido ma è un canto mai cosi' nitido, mai cosi' limpido...il Comandante Generale deve sentire la mia voce, deve sentire il mio orgoglio. Ma la giornata è solo alle prime emozioni, della tante di questa giornata.  Si rientra nelle aule ma ..i genitori e i parenti invadono piazza d'Armi e allora iniziano i cenni, i saluti, gli abbracci fugaci, fuori dall'inquadramento. Poi tutto si ricompone e i genitori prendono posto e gli allievi iniziano le rispettive adunate. Arriva l'ordine di inquadrarsi nel piazzale e tutti..di corsa prendono posizione nell'inquadramento.  Le autorità prendono posto, prende forma la cerimonia. Gli onori, lo schieramento, il presentat arm, i brividi, l'emozione non ti fà sentire la stanchezza ...perchè l'orgoglio e la gioia di questo giorno tanto desiderato e tanto sofferto è arrivato...è proprio quel giorno. Ci sono tutti...ci sono gli affetti cari, papa, mamma, il fratello, la sorella, la fidanzata, la moglie, il marito, il fidanzato, gli amici...lui, lei, quelli che non sono presenti ma ti stanno guardando da lassu' perchè oggi ci sono anche loro orgogliosi ...ma non sono potuti venire e non perchè non volevano. Ci sono proprio tutti. La cerimonia segue tutti i suoi tempi e i discorsi delel autorità, tra l'emozione di chi parla a chi ne ascolta le sue parole.  Poi viene il momento piu' bello, quello che non ti risparmia la lacrima, la goccia di gioia che esce senza il tuo permesso, senza il tuo controllo. E' lui, la tua persona cara che viene da te a posare per la prima volta gli alamari sulla tua divisa. E' lui che te li appoggia, ma sarà lui che te li stà cucendo sulla pelle. Il momento è davvero molto bello. Vedi il papa' carabiniere che li posa sulla divisa di suo figlio, sua filglia. Il fratello, la sorella, la mamma. La persona cara...quella che tu hai scelto dia solennità in questa tua scelta a vita, per tutta la vita.  Da li' in poi...è iniziata la tua vita da carabiniere. E' qualcosa di molto bello, e' qualcosa che solo se si è carabinieri dentro puo' regalarti quella emozione che ti fà sentire orgoglioso anche se sei spettatore di questa significativa cerimonia.  Il presidente Renzi, il presidente del Consiglio ha visto una foto, bellissima. Una foto delle 340 che in quel momento fermavano l'istante sulla posa degli alamari. Il Presidente si è emozionato nel vederla, nel sentire qualcosa da quella foto bella, da quel papa' che asciugava la goccia di gioia che usciva dagli occhi della sua splendida figlia.  Presidente Renzi, faccia uno sforzo e lo faccia subito. Facciamo questo decreto assunzioni perchè io il prossimo anno non volgio vedere solo 1200 foto di questi momenti ma ne volgio vedere almeno 3.000, quanti sono i carabinieri che andranno in pensione e quelli che vorrei, da carabiniere che rappresenta i carabinieri, poter riavere tra le fila dei reparti, sulla strada al servizio della gente, delle nostre comunità, del nostro paese..Presidente.        

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte: pianetacobar.eu/ cocer/ Aps Romeo Vincenzo

Invia la news ad un amico

Nome Mittente: *
Nome Destinatario:
E-mail Destinatario: *
Testo (facoltativo):
QRCode

Fotografa il codice con uno smartphone per visualizzare la pagina