Pianeta Cobar

A VOLTE RITORNANO...ASSEGNI DI FUNZIONE E SCATTI DI GRADO. DA GENNAIO SULLO STATINO PAGA RITORNERANNO ASSEGNI FUNZIONALI E SCATTI DI GRADO. REGOLARITA' DEFINITIVA AI NOSTRI STIPENDI.

Pubblicata il 14/12/2014

Per chi nel quadriennio 2011-2014 aveva maturato l'assegno funzionale e scatto di grado dallo stipendio del mese di gennaio si vedrà corrispondere regolarmente cio' che gli compete come da anzianità e da contratto di lavoro. Torna la regolarità stipendiale e si ritrova la dignità almeno su cio' che erano i nostri emolumenti.
A VOLTE RITORNANO...ASSEGNI DI FUNZIONE E SCATTI DI GRADO. DA GENNAIO SULLO STATINO PAGA RITORNERANNO ASSEGNI FUNZIONALI E SCATTI DI GRADO. REGOLARITA' DEFINITIVA AI NOSTRI STIPENDI.

A volte ritornano...questa volta sono gli assegni di funzione e gli scatti di grado che torneranno sui nostri statini paga, sui nostri stipendi. Come da contratto di lavoro rotorneranno le indennità impropriamente non pagate per le scelte di Governo nel 2010 con il blocco del tetto salariale per il pubblico impiego e l'istituzione del fondo "una tantum" che doveva corrisponderci gli importi al netto escludendo la parte previdenziale. Fondo che man mano si è dissolto nel tempo tra le "emergenze economiche" delle varie gestioni politiche di questo nostro paese. La nostra specificità di comparto difesa e sicurezza nel quadro dell'impiego pubblico prima fu fatta valere con questo stanziamento "ad hoc" e poi scomparsa ...come al nostra dignità. Da gennaio 2015, sullo statino paga del mese di gennaio 2015, ritorneranno...si ritorneranno. Ritorneranno gli assegni di funzione per chi li aveva maturati nel quadriennio 2011-2014, dal gennaio 2011 al dicembre 2014. Ritorneranno le corresponsioni degli scatti di grado per chi li aveva maturati nel medesimo periodo.  Non ci sarà alcun arretrato per nessuno. In pratica quei soldi equivalenti ai nostri assegni di funzione e agli scatti di grado maturati nel quadriennio interessato al blocco del tetto salariale, non corrisposti, hanno contribuito a salvare l'economia del paese direttamente dalle nostre buste paga. Dovremmo pensare a qualche riconoscimento "militare" a tutti quelli che come me hanno lasciato quasi 3.000 euro al paese come contributo estorto senza il mio consenso e senza la mia volontà...ma siamo impiegati pubblici, cosi' come si vuole intendere. Pensare che tutti i giorni nonsono molti gli impiegati pubblici che per 6 ore al giorno sono a rischio per la propria vita e vanno alla ricerca del pericolo per evitare che lo subiscano altri nel nome della sicurezza e dell'ordine pubblico del nostro paese, della nostra Italia.  Non ci sarà nessun arretrato ma sullo statino paga del mese di gennaio 2015 i nostri stipendi ritroveranno la regolarità degli emolumenti previsti dal contratto di lavoro come da leggi vigenti. La nostra dignità ritroverà il proprio equilibrio almeno su cio' che riguarda la corresponsione dei nostri stipendi e non avremo piu' quelle disparità tra pari grado dove l'uno prendeva centinai di euro in meno al suo paritetico e pari grado. Resterà comunque una disparità tra chi ha dato per il paese dal proprio stipendio e chi no. Tutto regolare dal 1 gennaio 2015.  Eppure sul web piace creare disinformazione e piace attirare i colleghi con notizie da strapazzo che pero' portano remunerazione e ritorni pubblicitari per chi usa questo strumento per interessi diversi dai nostri e da chi informa da carabiniere a carabiniere come rappresentante di carabinieri senza interessi diversi da quelli di far crescere i carabinieri con l'informazione dedicata e riuscire a curare l'interazione diretta da sud a nord, isole comprese e non solo. Quindi ora, dopo tutto cio' che è stato fatto avanti agli occhi di tutti e dopo tutto il caos che si è sollevato sulla delicata questione per i carabinieri d'Italia e non solo, pensiamo solo a guardare avanti con maggiore fiducia perchè ci sono molte cose da modificare nella nostra quotidianità. Decisioni importanti e coraggiose sono quelle che ci dobbiamo aspettare ma noi, certamente, le dobbiamo vivere da vicino partecipando alle valutazioni su queste scelte. Lo dobbiamo fare tutti insieme seguendo passo passo cio' che un carabiniere deve sapere in modo pulito e senza distorsioni interessate e di opportunità. L'informazione e il coinvolgimento gioca un ruolo fondamentale se vogliamo essere protagonisti della nostra quotidianità di carabinieri al servizio delle nostre comunità come unico riferimento certo dello Stato Italiano. Noi carabinieri d'Italia. Per me sarà ancor piu' particolare perchè dal 1 gennaio 2015 non saro' piu' Appuntato Scelto nei Carabinieri e Appuntato per le scelte di Governo. dal 1 gennaio saro' Appuntato Scelto non solo nell'incarico funzionale indossandone il grado, ma lo saro' anche amministrativamente sullo statino paga. Questo è stato un cult, un vero e proprio cavallo di battaglia che, ad oggi, per quello che si è visto e fatto, è risultato positivo ed efficace.  L'importante è fare passi in avanti e crescere...crescere insieme.  

 

 

 

 

Fonte: pianetacobar.eu/ cocer carabinieri/ Aps Romeo Vincenzo

Invia la news ad un amico

Nome Mittente: *
Nome Destinatario:
E-mail Destinatario: *
Testo (facoltativo):
QRCode

Fotografa il codice con uno smartphone per visualizzare la pagina