Pianeta Cobar

IL PLANETARIO.095 La 95a PAGINA del DIARIO dal "PIANETA DELLA RAPPRESENTANZA MILITARE DEI CARABINIERI ". Continua il viaggio nel nuovo XII mandato del delegato Co.Ce.R. Carabinieri Appuntato Scelto Romeo Vincenzo

Pubblicata il 03/05/2020

IL PLANETARIO.095 NOVANTACINQUESIMA La 95a pagina del DIARIO dal "Pianeta della Rappresentanza Militare dei Carabinieri "- XII mandato" - Continua il viaggio nel nuovo XII mandato del delegato Co.Ce.R. Carabinieri Appuntato Scelto Romeo Vincenzo
IL PLANETARIO.095 La 95a PAGINA del DIARIO dal "PIANETA DELLA RAPPRESENTANZA MILITARE DEI CARABINIERI ". Continua il viaggio nel nuovo XII mandato del delegato Co.Ce.R. Carabinieri Appuntato Scelto Romeo Vincenzo

ESTRATTO  DALLA PAGINA   095  "NOVANTACINQUESIMA"  DEL  DIARIO PLANETARIO SU WWW.PIANETACOBAR.EU 

 

 

"...il carabiniere… sempre piu’ solo a decidere e a prendersi le responsabilità senza  tutele e senza riferimenti. I Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri procedono in un percorso che passa dal blocco totale ad un fase di ripresa con le prime elasticità sulle restrizioni. Prima, con difficoltà riuscivamo a far rispettare le norme del DPCM con deroghe che dovevi andare ad interpretare e dedurre dopo una ricerca di domande e risposte su siti istituzionali del Governo. Ora, nella piu’ totale incertezza nel dover sapere dove e quando intervenire, ma soprattutto quali le reali restrizioni..."

 

"...in tutto questi noi abbiamo i pacchetti. No, non quelli di amazon che continuano ad arrivare e a darti un po’ di soddisfazione tra quello che leggi, quello che acquisti e quello che poi tocchi con mano. Noi abbiamo i pacchetti d’ordine. Leggi le disposizioni che, sino ad oggi, sono arrivate con il contagocce e, quasi sempre, ad attestare una diversità tra cio’ che si dovrebbe fare e cio’ che in realtà accade sulla strada, ai reparti, nelle decisioni delle relative scale gerarchiche, diversificate per interpretazioni delle norme. A questo si sono aggiunte le ordinanze dei Governatori delle varie Regioni. Ordinanze che, a sostenere di alcuni superiori di alcune gerarchie, non devono essere prese in considerazione a fronte di quello che dispone il DPCM, superiore organo di Governo. Ma se poi vai a studiare un po’ le norme e le competenze, ti rendi conto che sulla Sanità e sull’emergenza sanità, le competenze regionali, hanno la loro valenza. Poi, fuori sacco, ti viene detto che le forze di polizia sono escluse da alcune norme che vengono diramate dai Governatori delle varie Regioni ..."

 

"...di fatto tu, solo tu, sei sulla strada a far rispettare le “regole”. Si in strada a dover tutelare anche la tua salute e a proteggerti dal rischio contagio. Le norme sanitarie ti dicono di usare le mascherine certificate con determinate caratteristiche. Queste te le hanno date in dotazione, dopo mesi, ma sono poche, quindi vanno usate nel momento che deve servire. In sostituzione devi usare altre mascherine mono uso, quelle chirurgiche. Sembra che tutte siano certificate ma possono solo proteggerti dal non contagiare gli altri ma ad essere contagiato tu. Si, perché l’altra persona, che hai davanti, deve avere la mascherina e devi avere una distanza di sicurezza per racchiudere tutti insieme i requisiti per tutelarti dal rischio contagio. Cosi’ dice il pacchetto. Ma nel pacchetto manca cio’ che accade al fronte, realmente ..."

 

"...ti trovi davanti ad una persona che devi fermare e non ha la mascherina …devi levarti la monouso, chirurgica, per scartare la busta di quella certificata per indossarla e poi procedere in sicurezza. Tutto questo per evitare il rischio contagio del virus covid-19. Si, anche perché quando lo avrai contratto, poi, avrai un'altra battaglia da fare per attestare tutti i particolari per cui questo contagio lo avresti realmente preso nello svolgimento del servizio. Certo dovrai dare mandato ad un legale per seguire un iter che tuteli la tua persona per far attestare quello che è realmente accaduto...."

 

"...la sensazione di questi mesi è davvero demotivante. C’è chi, chiuso in “clausura”, dispone come tutelarsi e tutelare chi dispone il servizio per le norme della sicurezza sul lavoro. C’è chi, in strada, tra il rischio contagio e l’insofferenza sociale, deve tutelarsi trovando le soluzioni per tutelarsi da solo, nel concreto..."

 

"...Noi no, noi non molliamo. Noi, riferimento del cittadino, carabinieri, soli, non possiamo mollare "

  

 

      

PAGINA NOVANTACINQUESIMA. DIARIO SECONDO. MADATO DODICESIMO.ANNO2020.

 

 

Fonte: pianetacobar.eu/ IL PLANETARIO/ aps Romeo Vincenzo

Invia la news ad un amico

Nome Mittente: *
Nome Destinatario:
E-mail Destinatario: *
Testo (facoltativo):
QRCode

Fotografa il codice con uno smartphone per visualizzare la pagina