Pianeta Cobar

IL PLANETARIO.093 La 93a PAGINA del DIARIO dal "PIANETA DELLA RAPPRESENTANZA MILITARE DEI CARABINIERI ". Continua il viaggio nel nuovo XII mandato del delegato Co.Ce.R. Carabinieri Appuntato Scelto Romeo Vincenzo

Pubblicata il 18/04/2020

IL PLANETARIO.093 NOVANTATREESIMA La 93a pagina del DIARIO dal "Pianeta della Rappresentanza Militare dei Carabinieri "- XII mandato" - Continua il viaggio nel nuovo XII mandato del delegato Co.Ce.R. Carabinieri Appuntato Scelto Romeo Vincenzo
IL PLANETARIO.093 La 93a PAGINA del DIARIO dal "PIANETA DELLA RAPPRESENTANZA MILITARE DEI CARABINIERI ". Continua il viaggio nel nuovo XII mandato del delegato Co.Ce.R. Carabinieri Appuntato Scelto Romeo Vincenzo

ESTRATTO  DALLA PAGINA   093  "NOVANTATREESIMA"  DEL  DIARIO PLANETARIO SU WWW.PIANETACOBAR.EU 

 

 

"...Sono preoccupato, molto preoccupato. Non riesco a vedere momenti migliori nell’immediato domani di noi carabinieri. In questo mese e mezzo di intensità di problemi e decisioni legate al momento di emergenza, ci sono stati tanti fatti accaduti che cambieranno il nostro domani di carabinieri. Stiamo contando i contagi e i colleghi che non ci saranno piu’. Quelli che se ne sono andati senza un degno saluto e quelli che non sappiamo ancora debbano andarsene..."

 

"...dall’ispettorato Generale della Sanità Militare si è attestato che, ai fini dell’accertamento della dipendenza da causa di servizio di lesioni traumatiche, la causa virulenta è equiparata a quella violenta. Per i colleghi affetti da covid-19, deceduti o ricoverati, sono state date disposizioni affinchè i rispettivi Comandanti avviino d’ufficio le procedure con il modello ML\C.  Per i colleghi deceduti viene attivata la procedura per le “vittime del dovere” che poi curerà direttamente l’ufficio personale del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri...."

 

"...io vedo già l’inizio di una grande battaglia legale per quello che dovrà essere un riconoscimento da parte di chi è rimasto contagiato e soprattutto per il nesso di causalità che dovrà attestare il riconoscimento della causa di servizio. Per chi oggi è risultato positivo al contagio del virus penso debba iniziare da subito ad organizzarsi per la sua tutela. Intanto seguire un iter sanitario attento che dovrà guardare anche a quali saranno i postumi di una positività ad un virus che non sappiamo se scompare, se si curerà, né se ritornerà, ma soprattutto quali complicazioni potrà portare allo stato di salute del contagiato..."

 

"...io inizierei subito a fare un ampia riflessione di quali siano stati gli spostamenti, i contatti e soprattutto il tempo passato in servizio prima dell’attestazione del contagio. Inizierei a farmi un promemoria e anche relativi approfondimenti. Certo è che non sarà semplice attestare da dove sia partito il contagio. Certo è che chiunque abbia fatto spostamenti verso aree a rischio contagio o risultate fonte di contagio, abbia avuto il dovere di porre in essere ogni procedura di prevenzione con quarantene e reali dichiarazioni ai medici fiduciari o aziende sanitarie di competenza. Tanti saranno i comportamenti irresponsabili da attestare e soprattutto quanti ne saranno quelli di evitare di attestare colpe su uno o un altro. Una cosa è certa che chi è stato oggetto di contagio deve essere tutelato dalla verità dei fatti accaduti e su questo… prepariamoci a infinite battaglie legali. Attestare la causa di servizio potrà servire a non perdere il posto di lavoro a causa di potenziali patologie invalidanti connesse ai postumi del virus che non conosciamo ancora. Attestare le vittime del dovere al collega deceduto potrà dare un riconoscimento sociale ai familiari per chi è svanito dagli affetti familiari in pochi giorni, in poche ore. Non sarà un automatismo, assolutamente no..."

 

"...le mie esperienze personali mi portano ad iniziare da subito a studiare la materia e le dinamiche con adeguati professionisti, legali e competenti di un nuovo termine “covid-19” che ci accompagnerà anche in queste battaglie a tutela dei diritti dei nostri colleghi. Troppi anni a combattere con ingiustizie che mi portano a intuire che bisogna, da subito, prendere il toro per le corna, piuttosto che attendere …e poi dover scappare, convinti di stare a rincorrere. Già vedo cio’ che non sarebbe dovuto mai accadere… 

 

"...Noi i carabinieri…quelli che portiamo avanti la nostra Arma dei Carabinieri ..."

"…si, noi, NOI non molliamo ! "

  

 

      

PAGINA NOVANTATREESIMA. DIARIO SECONDO. MADATO DODICESIMO.ANNO2020.

 

 

Fonte: pianetacobar.eu/ IL PLANETARIO/ aps Romeo Vincenzo

Invia la news ad un amico

Nome Mittente: *
Nome Destinatario:
E-mail Destinatario: *
Testo (facoltativo):
QRCode

Fotografa il codice con uno smartphone per visualizzare la pagina